Autore: Ermanno (page 1 of 8)

Keiko del Ronin Club a Plasencis

Lo scorso 23 novembre si è svolto un keiko del “Ronin Club”, ospiti del dojo “Mushin no shin dojo” che, tramite l’ASD Shin Dojo Friuli, organizza i corsi di Aikido a Plasencis (Udine).

Il “Ronin Club” è un momento di ritrovo organizzato da e per i praticanti di Aikido (stile Iwama ryu) facenti parte dello Shin Shin Aiki Shurekai delle scuole presenti in Friuli Venezia Giulia: Trieste, Udine, Sacile.

Lo spirito che anima chi partecipa a questi incontri è quello di creare delle occasioni di pratica che consenta un confronto costruttivo e proattivo. L’obiettivo è praticare con un’intensità e un livello tecnico diverso rispetto a quello che normalmente la quotidianità della pratica in dojo non permette.

Durante questo ultimo incontro per l’anno 2019 i partecipanti hanno affrontato, tra gli altri, uno studio di go, roku e hachi no jo; jo dori e jo mochi nage; tanken dori; ninin e sanin dori.

Foto finale

 

Sorgente: 岩間神信合気修練会 胆練館道場 – Home

Aiki Clips – 13 no jo kata – Awase

Fonte: 岩間神信合気修練会 胆練館道場

Disponibile su: Aikido – Mushin no Shin Dojo – Home

International Koshukai | 1° Memorial Alessandro Tittarelli

Sabato 5 e Domenica 6 ottobre 2019 si è svolto a Città di Castello (PG), presso il palazzetto dello sport, il 1° Memorial dedicato al compianto M° Alessandro Tittarelli


foto di gruppo dei partecipanti di Sabato

L’evento, organizzato brillantemente dal Masahiro Dojo sotto la direzione dal m° Daniele Russo, si è svolto per celebrare il primo anno dalla scomparsa del Maestro Tittarelli.

Al koshukai hanno partecipato oltre 100 atleti da tutta Italia oltre che ospiti dalla Spagna, Germania, Turchia e Macedonia. Tutti gli atleti hanno attentamente seguito la direzione del M° Alberto Boglio Shihan (6° dan Iwama Shin Shin Aiki Shurenkai) attuale direttore tecnico del gruppo Dento Iwama Ryu Italia.

Anche una delegazione degli aikidoka friulani ha partecipato all’evento con i dojo di Sacile, Udine, Gorizia e Trieste (Iwama Budo Kai e YKIAT).

I partecipanti dal Friuli Venezia Giulia assieme a Daniele Russo ed Alberto Boglio.

L’ultima parte dell’evento, domenica 6 ottobre, è stata dedicata a ricordare il Maestro Tittarelli, alla presenza anche delle figlie Francesca e Laura, con un Hono-Embukai  che prevedeva brevi momenti di esibizione tecnica da parte dei dojo-cho presenti a ricordare e sottolineare il grande lavoro tecnico lasciato in eredità dal Maestro a tutti i suoi allievi.

Il tatami “con dedica”

Alla fine dell’evento c’è stato il passaggio di consegne dal M° Russo al M° Doria a indicare che il prossimo Koshukai commemorativo si svolgerà in Sicilia, a Modica organizzato dal Takemusu Aiki Dojo Modica, in Ottobre 2020.

Aikido – Teaching clips

Teching clips: Morote dori & awase

Sorgente: Aikido – Mushin no Shin Dojo – Home

10° anno di corso

Il 1 ottobre 2009 iniziava l’avventura didattica del nostro corso di Aikido. Un’avventura durata dieci anni e che, mi auguro, possa ripetersi ancora.

L’avvio del nuovo anno del corso di Aikido del Mushin no Shin Dojo inizia con la lezione n. 792. Una lezione speciale perchè celebra il 10° anno dall’apertura del nostro corso, avvenuta giovedì 1 ottobre 2009.

I primi studenti del Mushin no Shin dojo nella prima palestra a Martignacco.
Alcuni di loro sono ancora oggi praticanti.

… in attesa di un tatami…

Raramente, in questo sito, scrivo in prima persona. In quanto docente del corso cerco di dare più importanza al “noi” piuttosto che all’ “io”. Tuttavia oggi è un giorno particolare e si può fare uno strappo alla regola.

Ermanno Passalenti (Tori) e Emiliano Righini (Uke)

L’avventura del corso è iniziati nella palestra delle scuole di Martignacco. In questi anni, nostro malgrado, abbiamo “visitato” diverse palestre del medio Friuli (Fagagna, poi Pasian di Prato e infine Bertiolo). Oggi, il 10° anno di corso, lo celebriamo a Plasencis. Qui, al di là di nuovi corsi o altre possibilità logistiche, il nostro gruppo avrà una sede fissa in cui potersi ritrovare per fare Aikido.

Antecedentemente il gruppo ha praticato all’interno dell’ASD Friuli Karate Aikido Basiliano. In seguito alla chiusura dell’Associazione, sono diventato un socio fondatore dell’ASD Shin Dojo Friuli,costituitasi nel 2016, all’interno della quale, oggi, il gruppo di Aikido del Mushin no Shin Dojo pratica. Nel 2018 anche un’altro praticante del nostro gruppo, Emiliano Righini, è entrato a far parte dell’Associazione come membro del Direttivo.

In questi 10 anni molti sono stati gli appassionati che hanno calcato il nostro tatami. Come in ogni gruppo di arti marziali, non tutti quelli che iniziano sono inclini a continuare nella pratica, per diverse ragioni. L’importante è poter trarre beneficio nel periodo in cui si pratica, e dal canto mio anche nel momento in cui si insegna.

Foto fine corso 2009-2010 – 29 giugno 2010

I primi allievi me li ricordo ancora: Ermanno Quagliaro (ancora praticante con il Dojo di Sacile), Gianni D’ambrosio, Daniele Foschiano, Tiziano Bozzo, Emiliano Righini, e Jacopo Padovano. Ho avuto l’onore di poter portare due di loro, Emiliano e Gianni, al traguardo della cintura nera 1° dan. Mi auguro che anche gli altri allievi possano raggiungere lo stesso risultato quanto prima.

Nel nostro piccolo e con le nostre forze portiamo avanti l’Aikido Iwama ryu (oggi Iwama Shin Shin Aikido), l’eredità lasciata da O’Sensei e raccolta da Morihiro Saito sensei e oggi portata avanti dal figlio Hitohira Saito e dal nipote Morihiro Saito Nidaime (Yasuhiro Saito).

“Aikidoisticamente” parlando questi dieci anni sono stati cadenzati da eventi importanti per il sottoscritto, alcuni fondamentali. Al di là dei traguardi raggiunti personalmente, devo tanto… molto, al compianto M° Alessandro TITTARELLI. L’aver intrapreso il percorso formativo sotto la sua guida è stato sicuramente il principale volano della mia crescita. Le competenze acquisite e, come diceva ogni tanto, “rubate” mi sono state di fondamentale importante per portare avanti il corso di Aikido.

Esame 3° dan 2015

Purtroppo il M° Tittarelli non è più fra noi e soprattutto ora, mentre cerco di trasmettere ai miei allievi la mia conoscenza su quest’arte marziale, mi risuonano gli insegnamenti del Maestro: i suoi gesti inconfondibili, le sue frasi ricorrenti, la sua metodologia. Quella didattica che, oggi, riscopro preziosa in ogni passo che faccio sul tatami e in ogni parola che uso.

2019-09-16 Il nuovo dojo è pronto!

Mi auguro ed auguro a tutti voi un buon inizio corso e vi rinnovo a praticare in modo costante e con impegno. Costanza e impegno sono i due principali ingredienti per poter acquisire competenze e risultati che durino nel tempo e che portino soddisfazione a voi nella pratica e nella vita.

2019-09-16 – brindisi di fine lezione n.792

Corso di Aikido a Plasencis | 2019-2020

Le lezioni di AIKIDO si svolgono ogni Lunedì e Giovedì a Plasencis in via Duca d’Aosta, 41  con il seguente orario:
Corso Adulti: dalle 19.45 alle 21.15

REIWA: La nuova Era Giapponese

Il prossimo 1 maggio entrerà in vigore l’era REIWA quando Naruhito diventerà imperatore al posto del padre Akihito.

L’attuale era giapponese è l’HEISEI (siamo nell’Anno 31) che significa «compimento della pace», ma avrà termine a breve. La nuova Era che, che inizierà a scandire il tempo il prossimo 1 maggio, si chiamerà «REIWA»: «Rei» ha significati connessi a «ordine», «comando» e «auspicio» e «Wa» viene tradotto in «pace» e «armonia».
«Questo nome riflette l’unità spirituale del popolo giapponese» ha spiegato il premier Shinzo Abe sul significato del nome REIWA. Abe ha anche detto che REIWA rappresenta l’aspirazione che «nel nostro popolo ognuno si prenda cura dell’altro, in un bel clima».

Reiwa

Con l’entrata dell’Era REIWA il Giappone ripartirà dall’Anno 1, quando il principe Naruhito succederà come imperatore al padre Akihito (che abdica a 85 anni). I giapponesi sanno bene di essere nel 2019, ma apprezzano ancora la tradizione del tempo che scorre secondo l’Era del loro imperatore.

I due kanji di REIWA saranno impressi sulle monete, sui calendari, sulle testate dei quotidiani e sull’intestazione dei documenti ufficiali.

La scelta del nome dell’Era è stata fatta da un comitato di saggi esperti in storia e letteratura i quali hanno selezionato una lista ristretta e l’ha sottoposta al governo che ha deciso in una riunione segreta per «Reiwa».

Qui, nel blog di Enrico Neami, potrete trovare maggiori informazioni ed approfondimenti sulla metodologia di scelta del nome delle Ere.

Secondo la tradizione ogni periodo imperiale del Giappone, definito «GENGO», deve essere identificato da una parola formata da due caratteri, facili da scrivere e leggere.

La selezione dei nomi delle Ere parte da caratteri derivati da citazioni dei classici della letteratura cinese. Ad esempio l’attuale era HEISEI derivava dallo «Shiki» (I Registri del Grande Storico) e «Shokyo» (Il Libro dei Documenti).

Tuttavia l’attuale governo ha spezzato questa consuetudine ricorrendo a riferimenti dei classici letterari nipponici. E in effetti REIWA discende dal «Manyoshu», un’antica raccolta di poesie giapponesi che descrivono il profumo dei fiori di prugno che viaggiano nel vento fresco di inizio primavera.

La Famiglia Imperiale Giapponese

Aikido Iwama ryu | Ronin Club Keiko di Ottobre 2018

Il Ronin Club Keiko (keiko libero tra yudansha Dento Iwama Ryu Aikido del Friuli Venezia Giulia) di ottobre si è tenuto sabato 13 ospiti dell’Aikido Dojo Unione Ginnastica Goriziana.
Presenti, oltre al dojo ospitante, yudansha dall’Aiki Dojo Sacile, Aiki Shuren Dojo Trieste e YKIAT.

 

 

Intervista a Hitohira Saito Sensei

Qui di seguito l’intervista fatta a Hitohira Saito Sensei e pubblicata qualche mese fa da Seido Blog (qui l’originale dell’intervista).

Saitō Hitohira Sensei, figlio di Saitō Morihiro, uno degli allievi diretti di Morihei Ueshiba (il fondatore dell’Aikido).

Hitohira Sensei è anche il fondatore dell’Iwama Shin-Shin Aiki Shūren-kai [岩間神信合氣修練会], un’organizzazione indipendente che promuove l’Aikido di O’Sensei in Giappone e nel mondo. Una delle caratteristiche dell’Iwama Shin-Shin Aiki Shuren-kai è l’adottare il sistema tradizionale di Uchi-Deshi: Saitō Sensei accoglie praticanti provenienti da tutto il mondo a casa propria per tutto il corso dell’anno. Gli allievi  vivono, mangiano e dormono presso lo Shin dojo, adiacente all’abitazione privata di Saito Sensei

Iwama shin dojo uchi deshi

Shin Dojo

Nell’intervista che potete trovare su youtube il Maestro Hitohira Saito racconta del suo approccio all’Aikido e del metodo che viene insegnato e diffuso tramite l’Iwama Shin-Shin Aiki Shuren-kai

Qui potete trovare l’intervista originale dal blog di Seido

Qui potete trovare una versione italiana curata dal m° Enrico Neami

« Older posts
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: